Home Page by K2 Home Page by JSN PageBuilder
×

Attenzione

Raccolta di materiali di documentazione sullo smaltimento delle scorie nucleari

L’altolà della Francia alle scorie radioattive italiane è una dura sveglia per le istituzioni e i poteri del nostro Paese, che nella ricorrente illusione del ritorno al nucleare hanno perso tempo e hanno omesso tutte le azioni necessarie per la gestione dei rifiuti radioattivi.

Un problema, quello del decommissioning e della gestione delle scorie, che è stato reso più difficile dal grottesco tentativo del governo Berlusconi di imporre per decreto un deposito “definitivo” a Scanzano Jonico. Si volle allora approfittare furbescamente della tragedia delle “torri gemelle” per contrabbandare come emergenza per la “sicurezza” contro il terrorismo una questione delicata e complessa, pensando di tagliare i tempi necessari a una trasparente informazione alle popolazioni e agli eletti sul territorio, investendo un generale del ruolo di commissario per far capire che si sarebbe proceduto manu militari. La risposta venne dalla ribellione di tutta la Basilicata, dai centomila che per due settimane manifestarono compattamente, convintamente e civilmente. Era il novembre del 2003. Il decreto, trasformato in legge, non venne applicato e da allora si sono persi più di dieci anni; e la società pubblica incaricata del decommissioning, la SoGIN, ha meritato in più occasioni un giudizio di inadeguatezza. La vicenda di Scanzano ha segnato un ulteriore peggioramento del rapporto cittadini-Stato, storicamente difficile in Italia. Ai problemi di individuazione del sito per un deposito, alla sua qualificazione tecnica, ai molteplici aspetti tecnico-scientifici coinvolti si aggiungono quelli sociali e culturali ingranditi da una giustificata diffidenza. Ed è in questo quadro di rilevanti complessità e difficoltà che si collocano l’attuazione del Dlgs. n.45 del 4-3-2014, che ha recepito la direttiva europea 2011/70, e delle linee guida per “un impianto superficiale di smaltimento di rifiuti radioattivi di bassa e media attività” (ISPRA, Guida Tecnica 29). L’associazione “SI alle rinnovabili, NO al nucleare” ritiene fondamentale poter disporre in tutte le fasi del decommissioning di valutazioni che approfondiscano le questioni tecnico-scientifiche ma che si estendano transdisciplinarmente a tutti gli aspetti ambientali, normativi, sociologici e culturali. Valutazioni, criteri e proposte da mettere a disposizione dei cittadini e delle amministrazioni coinvolte, con la garanzia della totale indipendenza da pressioni e interessi imprenditoriali o politici. A questo fine la presidenza dell’associazione si è rivolta a scienziati ed esperti come pure ad esponenti e portatori dei saperi e delle culture ambientaliste per costituire una Commissione tecnico-scientifica sul decommissioning con il compito di seguire fin d’ora, e nei prossimi anni, tutta la vicenda dello smantellamento degli impianti nucleari e della gestione dei rifiuti radioattivi. Il premio Planck per la Fisica, Giorgio Parisi, ha accettato di presiedere la Commissione, della quale faranno parte vari altri rappresentanti delle eccellenze nei settori coinvolti e nella difesa dell’ambiente. I componenti della Commissione, i materiali disponibili, le attività svolte, le proposte di merito saranno reperibili in questa apposita sezione. 

I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE
Giorgio Parisi
Mario Agostinelli
Vittorio Bardi
Paolo Bartolomei
Stefano Ciafani
Francesca Farioli
Maria Giovanna Laurenzana
Oscar Mancini
Gianni Francesco Mattioli
Roberto Mezzanotte
Maria Grazia Midulla
Massimo Scalia
Morando Soffritti
Alex Sorokin
Pasquale Stigliani
Gianni Tamino
Giorgio Zampetti
Umberto Zona

DOCUMENTAZIONE

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2014, n. 45. Attuazione della direttiva 2011/70/EURATOM, che istituisce un quadro comunitario per la gestione responsabile e sicura del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi. 

GUIDA TECNICA N. 29 – Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

GUIDA TECNICA N. 29 - Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività 

La questione dei rifiuti radioattivi in Italia Vent’anni dopo Audizione dell’Associazione Amici della Terra sull’atto di Governo n. 58 presso le Commissioni riunite 10a e 13a del Senato.

DIRETTIVA 2011/70/EURATOM DEL CONSIGLIO del 19 luglio 2011 che istituisce un quadro comunitario per la gestione responsabile e sicura del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi

Direttiva 2013/59/Euratom del Consiglio, del 5 dicembre 2013, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom

DIRETTIVA 2009/71/EURATOM DEL CONSIGLIO del 25 giugno 2009 che istituisce un quadro comunitario per la sicurezza nucleare degli impianti nucleari

DIRETTIVA 2014/87/EURATOM DEL CONSIGLIO dell'8 luglio 2014 che modifica la direttiva 2009/71/Euratom che istituisce un quadro comunitario per la sicurezza nucleare degli impianti nucleari

Osservazioni sul decreto recepimento 2011-70. Audizione al Senato del 17 dicembre 2013 di Legambiente, Greenpeace, WWF

Audizione ISPRA presso le Commissioni permanenti 10° e 13° del Senato della Repubblica Schema di decreto legislativo recante attuazione della Direttiva 2011/70/Euratom che istituisce un quadro comunitario per la gestione responsabile e sicura del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi (Atto del Governo n. 58, sottoposto a parere parlamentare)

Osservazioni dell'Istituto Superiore di Sanità sulla Guida Tecnica ISPRA n. 29 "Criteri per la localizzazione di un deposito superficiale di smaltimento dei rifiuti radioattivi a bassa e media attività"

Osservazioni sull’attuazione della Direttiva 2011/70/EURATOM Documento presentato per l’audizione in Senato, 11 gennaio 2013

Rate this item
(0 votes)

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Currencies
Thu, Oct 19, 2017, 8:53AM UTC
NamePriceChange% Change
EUR/USD1.1792+0.0001+0.0068%
USD/JPY112.6860-0.2670-0.2364%
GBP/USD1.3152-0.0051-0.3878%

Chi è online

Abbiamo 526 visitatori e 6 utenti online

  • barneyhasan670888
  • eric78h69072438453837
  • natalie51o9871610
  • preston05a535115676
  • shanabagley822364
  • svenherington5624

Login

Newsletter

Newsletter

Potenziato da by JoomlaShine

Contattaci (2)

Contact Form

Form used in home page for demo purpose

Potenziato da by JoomlaShine
Vai all'inizio della pagina