Home Page by K2 Home Page by JSN PageBuilder

IN PRIMO PIANO

prev next
Parte il pellegrinaggio verso Parigi sul cambiamento climatico: “Una Terra. Una Famiglia Umana. In cammino verso Parigi”. Qui di seguito il calendario degli appuntamenti:
 
– il 28 settembre pomeriggio presso la Sala Promoteca in Campidoglio per incontro con il Comitato Cooperazione Decentrata del Comune di Roma;
 
– il 29 settembre  alle 18.00 incontro inter-religioso di fronte alla Basilica di San Giovanni in Laterano;
 
– il 30 settembre  alle 10.00 in udienza generale con Papa Francesco
 
– sempre il 30 settembre alle 13.30 da Piazza San Pietro parte il pellegrinaggio, cammineremo tutti assieme verso la Stazione di Trastevere verso Civitavecchia.
 
Partecipiamo tutti al pellegrinaggio per un mondo nuovo, più giusto e più sostenibile, in armonia con il creato e con tutte le sue creature, a partire da quelle più vulnerabili ed emarginate.
 
Scarica il calendario completo cliccando qui
 
Seguite l’iniziativa sul sito FOCSIV, su facebook e twitter
 

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem

I cambiamenti climatici rappresentano oggi un'emergenza globale e locale, che mette a rischio la vita di persone, specie ed ecosistemi. In pericolo c’è la sicurezza di intere popolazioni, in ogni area del pianeta, costi economici, difficoltà crescenti nell’accesso all’acqua, riduzione della produzione agricola mettendo a rischio la sicurezza alimentare, aggravamento delle condizioni di povertà e nuove cause di conflitto e di fuga: oggi si pongono esplicitamente questioni di giustizia climatica nel mondo.

Dal 30 novembre all’ 11 dicembre 2015 si terrà a Parigi la 21° Conferenza delle Parti Onu sui Cambiamenti climatici. A 6 anni di distanza dal vertice di Copenaghen, è la prima volta che finalmente l'attenzione sarà di nuovo concentrata sull'emergenza climatica. A Parigi verrà siglato con ogni probabilità l'accordo globale sul clima destinato nel 2020 a prendere il posto di Kyoto; accordo che rischia di essere una scatola vuota, e che tocca ai singoli governi riempire con impegni vincolanti ed azioni coerenti.

Si tratta di una importante occasione per rimettere con forza al centro dell'agenda politica nazionale i temi che riguardano il modello di gestione delle risorse, la tutela ambientale, i diritti delle comunità, la sovranità di queste ultime sul territorio e, più in generale, il sistema economico nel suo insieme.

In Italia

Il tema dei cambiamenti climatici è un tema globale ma con ricadute drammatiche a livello locale ed è strettamente connesso alle battaglie in difesa del territorio che si stanno giocando nel nostro paese. A partire dai conflitti sociali innescati dal decreto Sblocca Italia, contro estrazioni petrolifere in terra e in mare, mega infrastrutture dall'indubbio impatto ma dalla dubbia utilità, incenerimento, privatizzazioni, etc.

Alla vertenza nazionale contro il decreto del governo Renzi vanno aggiunte diverse altre esperienze e temi, come le battaglie contro il carbone o le infrastrutture energetiche e militari, i poli produttivi contaminanti ai quali si continua a concedere possibilità di inquinare mettendo a rischio la salute delle comunità, le vertenze per le bonifiche e quelle per il risanamento del territorio dal dissesto idrogeologico, per citare le principali.

In generale la devastazione e il rischio ambientale imposti alle comunità sono fattori su cui si regge il sistema economico dominante. Tutto ciò è quanto mai evidente nella pressione lobbistica nel corso dei negoziati per il TTIP (Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti) in favore delle tecniche estrattive non convenzionali, degli OGM, delle privatizzazioni, delle fonti fossili. Ugualmente, se da un lato l’opposizione al Jobs Act è affermazione dei diritti del lavoro, dall’altro, ricatto occupazionale e crisi economica sono la scusa utilizzata dal governo Renzi per imporre con lo Sblocca Italia un vecchio e devastante modello di sviluppo. Una nuova opzione politica dal basso non può prescindere dunque dall’esigenza di una riconversione del modello produttivo nei termini di un lavoro che sia sostenibile dal punto di vista ambientale oltre che garantito nei diritti. Le politiche di austerità stanno imponendo all’ambiente oltre che ai popoli europei un costo insopportabile. Le politiche neoliberiste non si esplicano soltanto nella deregolamentazione economica ma ugualmente in quella ambientale imponendo sui territori l’unica regola del profitto. Lo vediamo nel portato culturale, politico, economico e ambientale dell’Expo di Milano.

 

Tutti questi percorsi hanno la possibilità di cogliere, in questo momento, l'occasione fornita dal vertice climatico di Parigi per inserire le singole battaglie in una cornice comune, rafforzandole con i reiterati allarmi che la comunità scientifica ha lanciato circa la necessità di ridurre del 70% le emissioni clima-alteranti entro il 2050.

 

Ridurre le emissioni in maniera sensibile ed immediata vuol dire infatti cambiare modello energetico, smettere di cementificare, optare per reti di mobilità intelligente, risanare il territorio, cambiare modello di gestione delle risorse e dei servizi pubblici essenziali. In una parola, ripensare il sistema economico e sociale radicalmente e senza esitazioni.

Per la costruzione di un percorso condiviso

In una fase politica nazionale che restringe sempre più gli spazi di partecipazione popolare e l'agibilità politica della società civile organizzata in ogni sua forma è ancor più urgente lavorare alla costruzione di un percorso inclusivo, che utilizzi strumenti diversi, dall'informazione alla mobilitazione, dalla pressione istituzionale alla progettazione territoriale, e che si organizzi per fare della rivendicazione di giustizia ambientale e sociale l'asse portante di un ragionamento unico e capace di incidere sulle scelte politiche.

 

Per queste ragioni, riteniamo sia utile e importante convocare a Roma un incontro nazionale di discussione aperto a tutte le realtà territoriali e i coordinamenti nazionali attivi su questi temi, i comitati locali, le associazioni ambientaliste, le organizzazioni sociali e politiche e tutti i cittadini per ragionare assieme sulla promozione di un percorso sociale verso e oltre l'appuntamento di Parigi e sugli strumenti utili alla sua costruzione.

 

°°°°°

Le firme che seguono indicano l'insieme delle realtà, in nessun caso esaustiva del campo ampio che abbiamo bisogno di costruire, che hanno già espresso volontà e necessità di costruire un percorso unitario verso e oltre il vertice di Parigi. Il percorso che ci auguriamo nasca sarà reso pubblico dopo l'incontro del 14 a Roma sulla base della piattaforma comune che decideremo in quella sede e aperto al contributo e alle adesioni di tutte le altre realtà interessate a lavorare sul tema e sulle sue numerose implicazioni.

 

Primi promotori:

 

A Sud • Arci • Coordinamento Nazionale No Triv • No Triv Basilicata • No Triv Abruzzo • Comitato No Tap • Coordinamento Comitati Sardi • Comitato LegamJonici contro l'inquinamento Taranto • Campagna StopTTIP Italia Forum Italiano Movimenti per l'Acqua  Rete della Conoscenza • Comitato No Muos Niscemi • Comitato Spezia Via dal Carbone • Passeggino Rosso Brindisi • Brindisi Bene Comune • Fair Watch • La Strada • TPO – Teatro Polivalente Occupato Bologna  Ass. Ya Basta / Caminantes •  Istituto Eco Ambientale Roma • Tilt!

 

 

Cerca nel sito

Chi è online

Abbiamo 618 visitatori e 5 utenti online

  • astridstark340446253
  • dominiquehecht03283
  • jpmrhea34155559
  • karinefinnegan339702
  • nidiakmv94493433073

Login

Vai all'inizio della pagina