Home Page by K2 Home Page by JSN PageBuilder

IN PRIMO PIANO

prev next
Items filtered by date: Novembre 2016

Francia . L'allarme del presidente dell'authority, che ha avviato una vasta operazione di controllo sui 58 reattori. 12 sono fermi o stanno per esserlo. La crisi di Areva e le difficoltà di Edf. L'export dell'Epr in Finlandia, Cina e Gran Bretagna. Uno, a Flamanville, in costruzione in Francia. Dovrebbe sostituire la vecchia centrale di Fessenheim, di cui Hollande aveva promesso la chiusura.


 

Il nucleare francese traballa, sia sul fronte della sicurezza che su quello dell’economia. Ieri il presidente dell’Asn, l’authority della sicurezza nucleare, Pierre-Frank Chenet, ha lanciato l’allarme: «La situazione è molto preoccupante». Dodici reattori sono fermi (o stanno per esserlo), per essere sottoposti a controlli. Ci vorrà un mese per le prime conclusioni e un altro per farli ripartire, se passeranno l’esame.

Ciò significa che, con l’arrivo del freddo invernale, la Francia che dipende al 78% dal nucleare per l’energia elettrica, potrebbe essere costretta a importare massicciamente energia per evitare una penuria (in un paese dove il riscaldamento elettrico è molto diffuso). È da mesi che l’allarme sul nucleare fermenta: nella primavera del 2015 sono state scoperte delle anomalie nelle vasche del futuro reattore Epr, in costruzione a Flamanville (reattore di nuove generazione, che dovrebbe sostituire la più vecchia centrale di Francia, Fessenheim, promessa elettorale di Hollande del 2012, che però non è stata ancora chiusa).

Nelle ispezioni a cui sono state sottoposte le 19 centrali francesi con i loro 58 reattori sono venute alle luce «pratiche inaccettabili», che risalgono a decenni scorsi, addirittura agli anni ’70, periodo fasto del nucleare civile francese, alter ego del nucleare militare, in nome dell’indipendenza nazionale. Nel sito del Creuset di Areva sarebbero stati prodotti dei «pezzi» difettosi. Ci vorrebbe un investimento di 100 miliardi di euro per rimodernare il parco nucleare e renderlo sicuro. In altri termini, una missione impossibile, mentre il futuro è nelle energie rinnovabili. Ma i temi dell’energia e dell’ecologia non sono per ora al centro della campagna elettorale per le prossime presidenziali: François Fillon, il vincitore del primo turno delle primarie della destra, è un gran difensore del nucleare (che neppure Alain Juppé rinnega).

Le centrali invecchiano, per legge la vita degli impianti è stata allungata, in Francia come in altri paesi. Ma anche così i costi crescono per garantire la sicurezza. Lo stato è a corto di soldi, ha stanziato una manciata di miliardi per Edf (gestore) e Areva (costruttore storico). Ma Areva è praticamente in fallimento. Ha venduto a Edf l’attività di fabbricazione e di mantenimento dei reattori, per concentrarsi sul ciclo del combustibile (estrazione e arricchimento dell’uranio, riciclaggio del combustibile, trasporto e stoccaggio, smantellamento dei siti).

Il fatturato di Areva è dimezzato e la sua emblematica fondatrice, Anne Lauvergeon, che era stata stretta collaboratrice di François Mitterrand, ha ora problemi con la giustizia. Edf cerca di ritrovare la salute all’export. Un reattore Epr è in costruzione da anni in Finlandia, con una crescita esponenziale dei costi. A settembre, Areva ha ottenuto il via libera dal governo britannico per la costruzione di due centrali nucleari Epr a Hinkley Point. Un Epr è in costruzione in Cina.

 

Abbiamo chiuso le nostre centrali da quarant’anni, ma il nostro sistema elettrico e le nostre bollette continuano ad essere influenzate dal nucleare. Perché?

Abbiamo chiuso le nostre centrali da quarant’anni, ma il nostro sistema elettrico e le nostre bollette continuano ad essere influenzate dal nucleare. Perché? Motivo base è che siamo importatori di elettricità, lo siamo non perché non siamo in grado di produrre tutta quella che ci serve, anzi ne avevamo troppe di centrali e ne stiamo chiudendo parecchie2, ma perché esistendo dal 2004 un mercato all’ingrosso aperto a qualsiasi produttore, italiano o straniero che sia, ed essendo il nostro Paese distinto in diverse zone per la formazione del prezzo medio nazionale (PUN), la zona Nord (quella che consuma più elettricità), acquista in maniera regolare dalla Francia. 

Di quanta elettricità parliamo? Nel 2015 ne abbiamo importata una quantità pari a 50.849 GWh (46.747,5 nel 2014)3. Dalla Francia ne sono arrivati direttamente 15.520 GWh mentre ben 24.414 sono stati importati dai tralicci che ci mettono i comunicazione con la Svizzera ma l’elettricità importata non è tutta made in Suisse, una parte è ancora francese che transita dalla Svizzera. Perché importiamo elettricità nucleare? Per il motivo più semplice del mondo: perché costa meno di quella che produciamo in Italia con il gas. Questo fattore ha condizionato il nostro mercato elettrico fin dalla sua nascita, ma qualcosa sta cambiando e questa disponibilità economicamente conveniente sta probabilmente finendo.

Nove mesi record A segnalarlo è l’inversione dell’andamento del prezzo all’ingrosso dell’elettricità (il cosiddetto PUN), che negli ultimi anni è sempre calato grazie al ribasso del prezzo del gas e alla crescita delle rinnovabili, arrivando a valori molto bassi in questo 2016. Sino al 10 ottobre il PUN era intorno ai 45 euro la megawattora, ad aprile era sceso al valore record di soli 42,89. Ma a ottobre il record è stato negativo nel senso che si è toccato il prezzo più alto dell’anno: 53 euro (vedi grafico sottostante).

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO di Roberto Meregalli, su martinbuber novembre 2016

 

Cerca nel sito

Chi è online

Abbiamo 591 visitatori e 6 utenti online

  • 0faf41jr7glgy1c
  • e1dibdk9wila6jm
  • ijihukop
  • yrhm87go0brb9s

Login

Vai all'inizio della pagina