Home Page by K2 Home Page by JSN PageBuilder

IN PRIMO PIANO

prev next

Arriverà del freddo (d’inverno succede), mentre il riscaldamento globale continua - da Climalteranti.it

L’ondata di freddo prevista per la prossima settimana è ormai notizia diffusa su tutti i media; aldilà dei dettagli, ancora suscettibili di cambiamenti, si tratta di un caso meteorologico interessante perché mostra un orizzonte di prevedibilità molto esteso, cosa relativamente rara e più che altro osservabile nelle grandi onde di calore estivo.
Contrariamente a quanto scrivono in queste ore le due principali testate giornalistiche italiane (vedi qui e qui) nei prossimi giorni tuttavia non arriverà il “Burian” in Italia (da non confondersi comunque con “buriana”, con un significato diverso e spesso metaforico). Primo perché si scrive Buran, secondo perché il Buran è un vento delle steppe siberiane, interessa solo l’Asia e in Europa non soffia: in Italia il vento da nordest si chiama grecale, come da rosa dei venti, oppure bora, nel caso in cui entri sull’Adriatico dalle cosiddette “porte della bora” (le “strettoie” di uscita dell’altopiano a nordest dell’Adriatico).

La figura sotto riporta la temperatura media giornaliera (media sull’Emilia-Romagna)opportunamente derivata da una delle ultime corse della previsione mensile di ECMWF. La previsione con la sua fascia d’incertezza è contrassegnata dalla banda beige, mentre il riferimento climatico è indicato dalla fascia verde. Come si vede, la previsione durante la prossima settimana si discosta molto significativamente verso il basso rispetto alla zona verde, fino a toccare un’anomalia di quasi 10°C in meno rispetto ai valori climatici del periodo. Indicativamente, dai primi di marzo la temperatura tenderà ad aumentare ed a riallinearsi con quella climatica, ma contemporaneamente l’incertezza della previsione aumenta, e quindi da questo punto in poi la previsione perde di valore, in quanto non è più possibile distinguere nessun segnale rispetto alla normale variabilità climatica.

Entrando nelle fascia previsionale del medio termine, ovvero 5-7 giorni (con meno incertezze rispetto alla previsione mensile), le uscite dei due principali modelli meteorologici alla scala globale (GFS e IFS di ECMWF) ci segnalano che, con buona probabilità, l’Europa e l’Italia subiranno un’ondata di freddo che porterà i valori termici decisamente sottomedia (il Nord Italia è già adesso lievemente sottomedia, come si vede anche in parte dal grafico soprastante): ad oggi parrebbe che il Nord Italia potrebbe esserne colpito in misura maggiore, mentre la situazione al centrosud sembrerebbe meno anomala; in quelle regioni comunque la temperatura si collocherà sotto le medie del periodo. L’interpretazione delle mappe meteorologiche non è banale (qui utili indicazioni per chi volesse cimentarsi) e riportiamo di seguito una sintesi di quello che potrebbe accadere a partire da domenica nel Centro-Nord Italia

La mappa di insieme (spaghetti-plot, riportata in apertura del post, vedi nota 1) prevista da GFS per le ore centrali del 28/2 nel momento in cui stiamo scrivendo il post (ovvero la mattina del 21 febbraio),  riporta alcune isoipse al livello barico di 500 hPa: più sono sparpagliate e meno la situazione è chiara. Nel caso dell’imminente ondata di freddo, sono ancora abbastanza sparpagliate (e da qui si capisce il perché del nome “spaghetti”), anche se lasciano intravvedere un flusso da ovest-sud-ovest sull’Italia per molte isoipse. Di seguito riportiamo gli spaghetti plot delle temperature a 850 hPa (circa 1500 m) e precipitazioni previsti a Milano (sopra) e Roma (sotto), che debbono essere intese non rappresentative delle singole località, ma del territorio circostante. Come si può vedere, le “forchette” termiche previste per il 26/2 sono ancora di 5-11 °C, più allargate su Roma che non su Milano, ma delineano già nettamente il raffreddamento, soprattutto nelle località del nord, mentre per le precipitazioni il segnale è già confuso per il 25/2.

Vogliamo qui ricordare che GFS è pur sempre un modello globale, che prevede con difficoltà fenomeni convettivi, e qui, con un’aria molto fredda e pellicolare in arrivo dal nordest su un territorio molto meno freddo quale il nostro, potrebbero anche verificarsi fenomeni convettivi di tipo rovescio o temporale, che sicuramente nessun modello globale vedrà neppure il giorno prima! Le temperature a 850 hPa qui mostrate le riteniamo molto più attendibili rispetto a quelle a livello del suolo, anch’esse facilmente reperibili in rete (qui si trova una mini-guida che, senza la pretesa di essere esaustiva, fornisce alcune informazioni utili su dove trovare alcune informazioni di carattere meteorologico in rete e, anche se è tarata su misura per il Piemonte, può essere facilmente generalizzata a partire dalle informazioni qui riportate).

Per chi si stia chiedendo se questo freddo sia compatibile con il riscaldamento globale, tranquilli: altre aree del pianeta come l’Artico, la costa est degli USA, l’India e altre zone del pianeta sono, e lo saranno anche nei prossimi giorni, abbondantemente sopra la media.

Riportiamo di seguito la mappa dell’anomalia odierna della temperatura al suolo: le anomalie negative su nord America, Siberia e sull’Europa sono ampiamente compensate come estensione ed intensità dalle anomalie positive sulle fasce equatoriali e tropicali dell’emisfero nord e soprattutto sull’Artico, dove la fascia delle anomalie è tra +10 e +20 °C.

Contrariamente ad altri tipi di “adattamento” a cui ci dovremo abituare, quello ad inverni più caldi è sicuramente il più facile.

Pertanto questi episodi di freddo invernale faranno sempre più scalpore e avranno sempre più risonanza mediatica, proprio perché sempre più rari, come abbiamo già spiegato qui e qui.

 

Testo di Claudio Cassardo, Federico Grazzini e Simone Casadei con contributi di Mario Grosso e Luca Lombroso

 

Nota 1: Lo spaghetti plot, output della previsione detta “ensemble”, riporta gli andamenti previsti di una determinata grandezza in un determinato luogo (e nella figura iniziale, riferita all’Europa, anche in un determinato tempo) corrispondenti a diverse perturbazioni che vengono forzatamente applicate alle condizioni iniziali di simulazione del modello globale. Maggiore variabilità o apertura degli spaghetti indica una minore attendibilità previsionale nel tempo (asse x nei grafici di Milano e Roma). Negli spaghetti plot relativi a Milano e Roma in alto sono riportati gli spaghetti della temperatura a circa 1500 m di quota (rif. asse y [°C] a sinistra) e in basso gli spaghetti delle precipitazioni (rif. asse y [mm] a destra).

Rate this item
(0 votes)

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Chi è online

Abbiamo 604 visitatori e 8 utenti online

  • g54jx7khsl4xxi
  • oers4nl6vbwnkbp
  • oka4ijbyjgpv8wm
  • p3bs40x4qaxx5e
  • ykqpfnwflimqqc
  • z8fuln3i55rjz66

Login

Vai all'inizio della pagina