Le malefatte dell’ENI e quelle di Cingolani – di Massimo Scalia

Sono mesi che si intrecciano le malefatte dell’Eni, del suo gruppo dirigente, con quelle di Cingolani. Il ministro della Finzione Ecologica ha poi scoperto, come parecchi anni fa Chicco Testa, che”fare caciara” sul nucleare garantisce un po’ di riflettori mediatici. Non so se sul nucleare ci sia una vera strategia, ne dubito, però saremo sempre vigili e pronti col petto onusto ðŸ˜ delle medaglie guadagnate sul campo della lotta, POPOLARE e VINCENTE, contro le centrali nucleari  
https://italialibera.online/economia-lavoro/cingolaneide-1-le-fanfaluche-e-linsana-passione-del-ministro-per-lenergia-atomica/

https://italialibera.online/economia-lavoro/il-mini-nucleare-e-il-ministro-cingolani-ovvero-il-paradosso-dei-gemelli/

Riguardo all’Eni, alla sua opposizione all’uscita dalle fonte fossili, a fine giugno abbiamo rivolto -11  colleghi del mondo scientifico e associativo – al gruppo dirigente Eni un diffida legale, comunicandola ai ministri competenti, che ha fornito materia per interrogazioni parlamentari sia alla Camera che al Senato
https://italialibera.online/economia-lavoro/la-testa-allindietro-delleni-mette-a-rischio-la-salute-di-tutti-e-la-ripresa-dellitalia/
Le manifestazioni e le mobilitazioni di Civitavecchia, con un vasto coinvolgimento sociale e istituzionale, e di Ravenna contro il CCS pensiamo che possano essere il preludio di un più ampio movimento su base nazionale che nelle prossime settimane coinvolga anche gli studenti e i docenti di vari atenei, con obiettivi concreti e immediati accanto a quelli generali che i FFF hanno fatto risuonare negli ultimi due anni.


Massimo Scalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *